Serie A, il campionato all’improvviso è tornato ad essere aperto

19/03/2018

Massimo Caputi   •   Caputi Style

Il Punto sulla Serie A

Il campionato si ferma per la Nazionale lasciandoci con enormi curiosità, non tutte rivolte alla squadra di Di Biagio che affronterà Argentina e Inghilterra.

È assolutamente aperto il duello scudetto, la zona Champions è più che mai combattuta e la zona retrocessione, non solo si è riaperta, ma si è addirittura ampliata a più squadre. Dopo 12 vittorie consecutive un mezzo passo falso ci può stare, meno quando la protagonista si chiama Juventus. Altrimenti non si spiegherebbero le critiche ad Allegri, sinceramente esagerate. Bisogna mettersi d’accordo: non può essere cinismo e bravura quando si vince in extremis, incapaci quando si pareggia con la Spal.

Il campionato è cambiato rispetto qualche settimana fa, le formazioni che lottano per non retrocedere sono avversari assai più complicati di prima. Per questo il successo della Roma va valutato positivamente, anche se esteticamente“sporco”. A Crotone la Roma doveva vincere e questo ha fatto, nonostante il forzato turnover. Per la squadra di Di Francesco, sesta vittoria in 7 gare di campionato, il buon momento coincide con gli impegni Champions, proprio come alcuni mesi fa, forse è più di una coincidenza.

Come quella che riguarda la Var, ieri di nuovo protagonista (10 episodi), proprio nel giorno della protesta dei tifosi della Lazio davanti la Figc. Il poker di Icardi e l’ottima prestazione di squadra rialzano le quotazioni dell’Inter che con la Sampdoria (sembrata già in vacanza) ha disputato la miglior partita della stagione.

Le verifiche saranno immediate, c’è infatti anche un derby da recuperare e, visto l’incalzare del Milan, anche la Lazio non può più concedersi soste.

Classifica con tante incertezze
29^ giornata